SALUTE IN VIAGGIO

Informazioni per viaggiare in salute in Nepal

 Viaggiare in salute in Nepal : qualche buon consiglio!

Come sempre, la salute in viaggio dipende sopratutto dalla propria preparazione e informazione, quest'ultima ottenuto dai medici competenti. In generale però in un viaggio in Nepal è raro che incontrerete seri problemi di salute, solitamente si limita a problemi di respirazione o gastro-intestinali. Oggi in Nepal ci sono già molte cliniche moderne e sicuri´e medici competenti per quasi tutti bisogni.

E non solo, per chi predilige una medicina alternativa, l'Ayurveda, la medicina tibetana, medicina sciamanica o altre forme di medicina tradizionale, trova nella valle di Kathmandu ampia scelta.

Ricordate che non in tutto il paese trovate buone strutture o facilmente un medico, se vi recate in trekking o communque aree rurali o remoti, date buona attenzione in merito anche ad una buona assicurazione che vi garantisce un soccorso in elicottero, cosi sarete sempre sicuri di essere trasportato in buona clinica nella capitale.

 

PER ENTRARE IN NEPAL

Non sono richiesti certificati di vaccinazione salvo che non si proviene da zone in cui siano in atto epidemie. E' in ogni modo buona norma per tutti i viaggiatori, la vaccinazione contro il tetano e la vaccinazione antitifica. Si consiglia di eseguire, previo parere medico, le vaccinazioni contro la meningite, rabbia, tbc, colera, tifo, epatite A.

 

VACCINI CONSIGLIATI

Nessuna vaccinazione richiesta per entrare in Nepal, se non si arriva da un paese infetto con per esempio la febbre gialla. Di norma si verificano raramente casi di infezione in Nepal fra turisti. Leggi le informazioni in riguardo dei vaccini su queste pagine: Nepal : Vaccini e assicurazione.

 

PRECAUZIONI

Generalmente, un viaggio in Nepal pone pochi problemi sanitari ai viaggiatori. L'igene nei pernottamenti, se pur semplici, è da considerare relativamente buona. I rischi più grossi possono essere per l'apparato digerente, in quanto il cibo locale è speziato. Per questo è sempe bene fare attenzione a quel che si mangia ed evitare grosse abbuffate, specialmente i primi giorni quando lo stomaco è ancora abituato a pasta e mozzarella.

Di base non è mai sbagliato fare una visita medica, un check dal dentista e consultarvi con l'ufficio d'igiene per le vaccinazioni che sono consigliate prima di partire per un viaggio in paesi lontani.

Per maggiori informazioni sulla cucina tipica nepalese vi rimandiamo alla pagina La cucina nepalese.

 

COMPORTAMENTI UTILI

Naturalmente ci si porta in viaggio l'occorente minimo di medicine che si usano regolarmente, ci si lava le mani quando possibile prima dei pasti e si controlla che posate e bicchieri siano puliti, non si cammina scalzi e ci si lava i denti con acqua pulita. 

Ci si risparmia cosi il 95% di eventuali problemi in viaggio già dalla partenza.

 

COSA PORTARSI

Portarsi appresso un piccolo kit di primo soccorso è sempre di grande utilità quando serve una disinfezione, un cerotto o ci si sente male. Di norma è consigliato disinfettare sempre anche ferite piccole per risparmiarsi fastidi.  

Consigliamo, per minimizzare l'inquinamento, di usare solamente prodotti sanitari preferibilmente 100% biologici o biodegradabili. Un malore non sempre deve essere pericoloso, ma è sempre utile intervenire.

 Una lista generica di medicinali che è sempre bene avere in viaggio:

  • - Disinfettante liquido per ferite esterne, bende e cerotti.
  • - Disinfettante per acqua (liquido o in pastiglie solubili)
  • - Antinfiammatorio e antibiotico ad ampio spettro.
  • - Collirio oftalmico, analgesico, antipiretico, diarrea a gastroenterite
  • - Antibiotici ad ampio spettro
  • - Antidolorifici
  • - Crema solare e burro di cacao
  • - Medici e balsami raffreddore e mal di gola

 Inoltre :

  • - Termometro
  • - Repellente per insetti (d'estate)
  • - Crema per punture (d'estate)
  • - Guanti sterili
  • - Forbici

 

PER LE DONNE

È possibile che le donne vivano dei piccoli disturbi con il proprio ciclo mestruale nel suo ritmo ed intensità: è una reazione normale al cambio del clima sul fisico femminile.

 

RISTORANTI TURISTICI E ALBERGHI

Nelle grandi città trovate un ampia scelta di ristoranti turistici che si possono considerare sicuri, oltre agli alberghi. Questo si applica anche nei luoghi meno turistici, consigliamo mangiare spesso al di fuori degli alberghi perchè arricchisce notevolmente l'esperienza di viaggio.

Le guide che vi accompagnano sono sempre utili per consigli dove mangiare sia nelle città che nei villaggi, anche i più remoti.

 

OSPEDALI E MEDICI

Nelle grandi città si trova facilmente assistenza medica ed ospedaliera, mentre nelle aree remote questo risulta molto più difficile, oltre che meno sicura. Il livello nei centri urbani è buono e i medici nepalesi conoscono bene il loro mestiere, anche se si trovano meno attrezzati dei loro colleghi occidentali. Gli ospedali pubblici sono spesso in cattivo stato e poco rassicuranti in materia d'igiene, per questo vi consigliamo, in caso di necessità, di recarvi presso le cliniche private, che elenchiamo in questa pagina. Prima di recarvi in ospedale, contattate sempre la vostra assicurazione di viaggio, per chiedere prima a loro dove andare, in quanto ogni compagnia ha delle strutture convenzionate. Prima di lasciare gli ospedali fatevi rilasciare le ricevute da consegnare poi all'assicurazione per il rimborso delle spese. Se non avete l'assicurazione di viaggio possiamo consigliarvi noi dove andare.

Sui percorsi di trekking più battuti si trovano degli "Health Post" che sono dei piccoli ambulatori sia per la gente locale che per i turisti di passaggio. Forniscono medicamenti e visite generiche e di base. Se alla fine del trekking vi sono rimasti medicinali che potete donare, saranno ben contenti di riceverli.

In Nepal, oltre alla tradizionale medicina sciamanica a cui si affidano ancora molte persone, trovate la medicina Ayurvedica, paragonabile alla nostra omeopatia, che consigliamo per problemi non acuti, urgenti o chirurgici. Noi suggeriamo le seguenti cliniche :

Ciwec Clinic,
Lainchaur (di fronte British Embassy) Kathmandu,
Tel: ++977 01 4241732 e 4228531
La clinica specializzata per i bisogni dei turisti più nota del Nepal.
www.ciwec-clinic.com

NORVIC Hospital,
Moderna clinica con ottimi servizi di chirugia e cardiologia, convenzionata con molte assicurazioni.
Thapathali, Kathmandu
Tel: ++977 01 4258554
Web: www.norvichospital.com

Piyushabarshi Aushadhalaya Ayurvedic Clinic
Masangalli, Mahabouddha, Kathmandu,
Tel: ++977 01 4223960
Il dott. Madhu Bajra Bajracharya è molto consigliabile e affidabile.
Web: www.ayurvedicclinic.net

Kunphen Tibetan Medical Clinic
Nota clinica di medicina tibetana.
16/31 Kunphen Marg, Chhetrapati
Kathmandu, Nepal
Tel: ++977 01 4251 920
Email: kunphentmc@gmail.com

Soccorso alpino Himalayan Rescue Association Nepal
Tel ++977 01 4440292 / 4440293, Kathmandu
Web: www.himalayanrescue.org

Healty Smiles - Dentista 
Lazimpat (subito dietro il Narayanhiti Palace Museum)
Opposite Hotel Ambassador - Below VAUDE / Illy
Ottima clinica dentale
Tel: ++977 01 4420800 / 4444689
Web: www.smilenepal.com

Medici per donne :

Dr. Suphatra Koirala
Om Hospital in Chabahil or CIWEC Clinik, Lainchaur,
Tel. ++977 01 4424111

Dr. Sarita Shrestha (medicina ayurvedica)
Solo su appuntamento dopo le ore 16:00
Pulchowck, Patan
Tel. ++977 01 5010804

 

BARRIERE ARCHITETTONICHE

I portatori di handicap fisici sono purtroppo ancora svantaggiati dalla presenza di barriere architettoniche anche nei luoghi turistici più famosi e frequentati. Nei nostri viaggi teniamo naturalmente conto delle vostre esigenze nella scelta degli alloggi e di fornire l'assistenza necessaria per minimizzare i disagi delle barriere architettoniche durante le visite e le escursioni. Nonostante sembra  è possibile viaggiare anche per la gentile popolazione, che sempre vi darà precedenza e aiuto!

 

ALTITUDINE IN VIAGGIO

Nei viaggi culturali l'altidudine non è veramente un problema per il viaggiatore, poiche solo pochi passi superano i 3500 m e l'altitudine media di viaggio non supera mediamente i 2000 m.

È tuttavia importante ricordare che generalmente i viaggi in Nepal portano comunque spesso ad altitudini oltre ai 2500 metri. Per chi soffre di disturbi cardiocircolatori (cardiopatie, ipertensioni), disturbi respiratori (bronchiti, asma, enfisema) e cefalea abituale, nevriti, glaucoma è consigliato di consultarsi prima di intraprendere un viaggio in Nepal con il proprio medico di fiducia.

I nostri viaggi in Nepal sono naturalmente realizzati in modo da evitare il più possibile ogni effetto del mal d’altitudine, e infatti non abbiamo ad oggi registrato casi di mal d'altitudine durante viaggi o trekking in Nepal.

Un’accentuata mancanza di respiro, un alone azzurrognolo intorno alla bocca, violente emicranie e nausee, confusione e ritenzione idrica sono sintomi di un grave malessere da altitudine. L'unico rimedio è scendere immediatamente ad una quota inferiore.

Spesso viene consigliato l’acetazolamide (p.e. il Diamox) che, se preso con moderazione e previa consultazione medica, può aiutare effettivamente ad un miglior acclimatamento, ma le persone allergiche ai sulfamidici dovrebbero astenersi dall’assumere questo farmaco.

Pur essendo generalmente consigliabile il suo uso preventivo non si deve avere una cieca fiducia, l’acetazolamide abbassa il rischio, ma non lo annulla. Una consultazione con il vostro medico di fiducia su uso e dosaggio è fortemente consigliata.

Il dosaggio generalmente consigliato per la profilassi preventiva a seconda del peso corporeo è di 125-250 mg ogni 12 ore iniziando almeno 24 ore prima della salita e finendo due o tre notti dopo il raggiungimento della massima altezza o con la discesa a quote attorno o sotto i 3500 m. In casi di forte malessere l'unica soluzione vera e consigliata è sempre e solo scendere di quota, almeno 500 m o ancora meglio di più!

Per un acclimatamento naturale ed adeguato consigliamo di base tre elementi importanti:

  • - Bere liquidi anche oltre il necessario, preferibilmente acqua.
  • - Astenersi i primi 2/3 giorni dagli alcoolici.
  • - Osservare il colore della propria urina, più scura, più si deve assumere liquidi.

Non spaventatevi per un leggero o medio mal di testa durante le prime 2/3 notti sopra i 3500 metri e per la prima notte sopra i 4500 metri. Solitamente sono sintomi temporanei e il giorno dopo vi sentierete meglio. In ogni caso ascoltate sempre bene il vostro corpo.

Le nostre guide hanno buona esperienza nel valutare se avete sintomi di AMS o meno e, nel caso, sanno perfettamente intervenire.

 

SITI CON INFORMAZIONI CORRELATE

Per informarsi bene sulla salute consigliamo sempre una visita ai seguenti siti:

www.viaggiesalute.org - Consigli per viaggiare in salute

www.travelclinic.it - Travel Clinic - informazioni e consigli

www.medicinadimontagna.it - Società Italiana Medicina di Montanga

www.ministerosalute.it - Mnistero della Salute

www.cesmet.com - Centro di Medicina Preventiva e Tropicale