L'assicurazione di viaggio

Assicurazione viaggio

Eccoci l'argomento sempre fortemente discusso fra i viaggiatori: fare o non fare un assicurazione di viaggio, spendere questi soldi o non spenderli.

In generale noi chiediamo che chi viaggia con noi sia anche assicurarto, non per farvi spendere di più, ma perchè spesso si dimentica che i costi di un ricevero o trattamento medico possono raggiungere cifre esorbidanti. A non parlare di rimpatrio o soccorso in elicottero. I soldi che spenderete per l'assicurazione di viaggio saranno quasi certamente "sprecato" (speriamo). Ma non è cosi in caso di emergenza se siete corettamente assicurati.

Generalmente ricordate che meno che pagatemeno rischi avete coperti. Ricordate che la maggior parte dei casi che noi vediamo tratta dei bagali persi durante i voli internazionali, non malattie o incidenti. Ma anche una semplice caduta per una foto sulle scalinate di un tempio può finire in ospedale 

 

Di base separiamo due categorie di viaggi:

 

Viaggi "normali" senza attività sportive o a rischio.

La maggior parte delle assicurazioni vi offrono dei pacchetti base per viaggi che includono la cancellazione volo, assistenza medica e dee cosi via. Vanno bene per un viaggio normale, ma attenzione al dettaglio, poiché le assicurazioni cercano di definire molto stretto le coperture, conviene bene confrontare, sopratutto quanto include di servizi coperti in loco e fino a che altitudine. Date attenzione sopratutto se vi recate sull'altipiano del Tibet dove molte assicurazioni "normali" non vi coprono più poiche vi recate oltre l'altezza massima prevista!

 

Viaggi che includono attività sportive o di escursionismo

Qui moltissime assicurazioni non vi coprono più, oppure hanno restrizioni che limitano la copertura, sopratutto per l'altitudine massima e l'escursionismo, spesso considerato attività sportiva. Vi conviene chiedere esplicitamente se le attività che si intende inserire nel viaggio sono anche coperte. Per esempio un trekking oltre i 4000 metri spesso non è coperto, non solo una scalata di una vetta o il bunjee jumping.

 

Che assicurazione quindi scegliere?

Ecco, noi consigliamo prima definire se o meno il tuo viaggio entra nella prima o nella seconda categoria.


Se un viaggio "normale"
, tipo un viaggio "culturale", dove non farete escursioni in alta montagna o attivittà sportive, più o meno la maggioranza delle assicurazioni vi offrirà un pacchetto adatto a voi, la scelta di assicurazioni e broker online è quasi infinita, oppure vi assicurate con una dell più note assicurazioni di viaggio.


Se invece andate in trekking
scalate una montagna o fate del rafting e
vi piace avventurarvi anche al momento in loco? Allora date attenzione che siano coperte le attività che prevedete o pensate che potreste fare eventualmente sul posto, non è sufficiente la classica assicurazione viaggio.

 

A cosa dare attenzione? 

A secondo del viaggio, chiarite bene quale rischio è coperto, spesso la cancellazione volo non è definito, non tutte le assicurazioni vi ripoteggono in merito nelle offerte base. Paga l'assicurazione direttamente l'elisoccorso o ospedale durante il viaggio o lo dovete prepagare per poi ricevere rimborso dall'assicurazione? Pensate ai inconvenienti, avvolte pagare un assicurazione 10-20 Euro di più è molto più conveniente in termini di copertura, assistenza e intervento.

Ricordate che dovete contattare l'assistenza prima di recarvi in ospedale (è si !) eccetto in casi che siete impossibilizzati a farlo. In Nepal, le assicurazioni solitamente richiedono che si chiami loro prima di un intervento di elisoccorso per ottenere l'autorizzazione (dopo che molte guide ed agenzie poco professionali hanno fatto più soldi cone le commissioni delle compagnie dei elicotteri che con i clienti in viaggio (spesso vere truffe, facendo ammalare dopo 2-3 giorni di trek "supereconomico").

Se il volo da Lukla a Kathmandu non parte ma ci sarebbero dei elicotteri sarebbero disponibili l'assicurazione vi copre le spese o dovete pagare voi le spese per l'elicottero e del soggiorno imprevisto?

Infine, prendersi una tazza di tè, un bicchiere di vino buono e leggersi il contratto assicurativo (e non solo, anche le nostre condizioni p.e.) , cosi conoscendo coperture, modalità come attivare l'assicurazione. Una prassi che molte volte non si fa, ma si dovrebbe fare sempre.

State anche attenti a proposte troppo allattanti, spesso in Nepal si fa più affare con l'emergenza che con il viaggio: https://www.thebmc.co.uk/helicopter-rescue-nepal

Cosa consigliamo per viaggi "attivi"? 

Per chi fa viaggi sportivi, alcune associazioni come per esempio il Club Alpino Italiano hanno per i loro soci dei accordi particolari e offrono dei pachetti assicurativi adeguati a loro attivittà sportive. Se siete soci, chiedete in merito alla vostra sezione o la sede.

Oppure fate come molti visitatori di questo sito e clienti nostri  che si sono trovati molto bene con la World Nomads, specializzata nell'assicurare di viaggi in aree remote, avventurosi o sportivi in tutto il mondo.

Potete chiedere subito e senza impegno un preventivo, anche se ricordiamo esplicitamente che non siamo in nessun modo responsabile per i contratti stipulati fra voi e l'assicurazione.  La World Nomads ci riconosce una minnima percentuale (un caffè), ma anche senza caffè (che se lo portate, ringraziamo!!) crediamo sia una valida alternativa per chi fa viaggi sportivi, trekking o simili attività non coperte  dalle assicurazioni viaggio "normali".